“Se il nuovo paradigma è la distanza”, un breve estratto dell’editoriale del Numero 26/27 del periodico “Cultura e dinuorni” Numero 26/27 (Gennaio 2020 – Ottobre 2020)

Questo tumultuoso presente, in una concezione del tempo che resta misterioso nella sua essenza e imprevedibilità, ci pone di continuo di fronte a eventi tanto straordinari quanto inimmaginabili al punto da indurci, oggi, a stabilire una nuova linea di demarcazione, l’ennesima, a delimitare un “prima” e un “dopo”. Prima e dopo il Covid 19 sottolineano, come accadde una ventina di anni fa, all’alba del nuovo millennio, dopo l’efferato attentato dell’11settembre alle torri gemelle, la portata di un evento considerato epocale, in grado cioè di cambiare per sempre le nostre vite. “Nulla sarà più come prima” il refrain che ancora una volta si ripete.. (Il testo completo su: http://www.culturaedintorni.it/wp/?page_id=5 )

Questa voce è stata pubblicata in Senza categoria. Contrassegna il permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *