In stampa il nuovo saggio sul cinema “C’eravamo tanto amati. Trent’anni di storia italiana al cinema”

In stampa per i tipi di Cultura e dintorni Editore nella collana Saggi/Cinema il saggio di Amedeo Di Sora e Gerry Guida “C’eravamo tanto amati. Trent’anni di storia italiana al cinema”. Il volume è impreziosito dalle note critiche di Claudio Cirillo (maestro autore della Fotografia del film) e dalla prefazione del noto documentarista Luca Verdone. Si tratta di un libro assolutamente eccezionale che esamina uno dei più grandi capolavori cinematografici di tutti i tempi analizzandone la genesi, lo sviluppo delle sequenze (commentate dallo stesso Claudio Cirillo) e il contesto storico, artistico, sociale e politico nel quale si inscrive fornendo interessanti spunti e analisi critiche sul nostro passato più o meno recente ma con indubbi riflessi anche sul nostro presente. Il tutto a celebrare e ad esaltare una delle più importanti e significative opere del regista Ettore Scola, e con essa lo stesso regista. tra i più grandi Maestri del Cinema Italiano e Internazionale. Con lui i grandi indimenticabili interpreti, tutti magnificamente dipinti dagli autori: Vittorio Gassman, Nino Manfredi, Stefano Satta Flores, Aldo Fabrizi, Stefania Sandrelli, Giovanna Ralli. Un’opera che attraverso la sua lettura permette di vedere o rivedere il film. In libreria dalla prossima settimana. Per info su ordini e disponibilità scrivere a: redazione@culturaedintorni.it o, dopo aver consultato la voce “Catalogo Generale”, seguire le semplici istruzioni disponibili alla voce “Acquisti”

Pubblicato in Senza categoria | Lascia un commento

Dall’ultimo numero del nostro periodico “Cultura e dintorni” Numero 16/17

Segnaliamo e riportiamo le recensioni pubblicate sul Numero 16/17 del periodico “Cultura e dintorni” all’antologia di racconti ”Il filo di Arianna. Diciassette donne, un libro e una storia da raccontare” e al libro fotografico e di interviste “Lei ed io. Ritratti a parole e immagini della femminilità” di Nina Baratta e Lorenza Fruci. Entrambi i volumi, che testimoniano l’interesse e la ricerca della nostra casa editrice nell’ambito della declinazione dei linguaggi della letteratura e dell’arte al femminile, sono editi da Cultura e dintorni Editore

Pubblicato in Senza categoria | Lascia un commento

La rivista Cultura e dintorni finalmente in libreria!

Copertina  Cultira e dintorni 16-17Ci siamo: all’inizio della prossima settimana esce il nuovo numero della nostra rivista Cultura e dintorni. Ce l’avete chiesta in tanti, e noi vi accontentiamo con questo numero tanto corposo quanto interessante.

Sarà distribuita su scala nazionale: la trovate in tutte le librerie Feltrinelli, oppure potete ordinarla direttamente a noi, seguendo le istruzioni alla pagina Acquisti.

Buona lettura!

Intanto, ecco a voi la copertina definitiva.

Pubblicato in I numeri della rivista | Lascia un commento

Il filo di Arianna recensito da Libero

Il quotidiano Libero ha dedicato una bella recensione a “Il filo di Arianna. Diciassette donne, un libro e una storia da raccontare”. La trovate nella nostra Rassegna stampa.

Pubblicato in Senza categoria | Contrassegnato | Lascia un commento

Ecco il corso di scrittura creativa di Cultura e dintorni

Cercate qualche suggerimento per iniziare a scrivere o per migliorare il vostro stile? Sta arrivando il corso di scrittura creativa di Cultura e dintorni, condotto da due protagoniste d’eccezione.

Qui sotto tutte le info.

Corso Scrittura Creativa Cultura e dintorni

Pubblicato in Senza categoria | Lascia un commento

In arrivo il nuovo numero della rivista Cultura e dintorni

Copertina nn. 16e17Cari lettori, stiamo lavorando al nuovo, corposo numero della nostra rivista Cultura e dintorni.

L’uscita è prevista per la prima decade di novembre e potrete trovarlo come sempre in libreria o ordinarlo direttamente sul nostro sito.

Intanto, i più curiosi potranno sbirciare la copertina e leggere l’editoriale qui sotto.

A presto!

Editoriale Cultura e dintorni n.16-17Editoriale Cultura e dintorni n.16-17 p.2


Editoriale Cultura e dintorni n.16-17 p.3

Pubblicato in I numeri della rivista | Lascia un commento

Ci vediamo a Francoforte!

Cultura e dintorni Editore sarà alla prossima Fiera Internazionale del libro di Francoforte, dal 19 al 23 ottobre p.v.

Un prestigioso traguardo e un motivo di grande, grandissimo orgoglio per la casa editrice, l’editore e gli autori i quali con le loro personalità e le loro opere rappresentano il peso specifico di questa piccola e coraggiosa realtà editoriale fiera delle proprie scelte (lontane da facili illusioni quanto da effimeri successi), e della propria indipendenza, di criterio, di impostazione e di giudizio. I libri che saranno esposti (e con essi idealmente i loro rispettivi autori) presso l’unico distributore italiano presente nel padiglione dedicato al libro d’arte sono in ordine di uscita: la silloge poetica di Alfonso Cardamone “dell’entropia ancora”, il giallo di Ilaria Quaresima “La maledizione del Lover’s Norway. Le indagini della detective Anna Schmidt”, il romanzo onirico di Laura Venezia “La nascita dei desideri liquidi”, il romanzo di formazione di Roberto Oliva “Una canzone dove andare”, il libro fotografico e di interviste di Nina Baratta e Lorenza Fruci “Lei ed io. Ritratti a parole immagini della femminilità”, il periodico di informazione culturale “Cultura e dintorni” Numero 14/15, la silloge poetica di Gerry Guida “Fotogrammi”, l’antologia di scrittura declinata al femminile “Il filo di Arianna. Diciassette donne, un libro e una storia da raccontare”, il saggio sulla Shoah di Pietro Piro “Auschwitz è ancora possibile?”. Saranno inoltre esposte, come anticipazioni, la copertina del nuovo numero del periodico “Cultura e dintorni” Numero 16/17 e la scheda del nuovo saggio di Laura Venezia. Vivissimi auguri e complimenti a tutti gli autori e alla casa editrice!!!!

Pubblicato in Cultura e dintorni Editore, Eventi | 1 commento

“Il filo di Arianna” oggi al Pigneto

E’ per oggi, lunedì 26 settembre, l’appuntamento con “Il filo di Arianna. Diciassette donne, un libro e una storia da raccontare” edito per i tipi di “Cultura e dintorni” Editore.

Dove? A Roma, presso la libreria “Tuba bazar”, in via del Pigneto 39/A alle ore 19,00.

Il Filo di Arianna - copertina“Il filo di Arianna” è un libro scritto a trentasei mani essendo il frutto del lavoro di scrittura di ben diciassette donne e di un uomo-libro figura altrettanto misteriosa la cui fonte di ispirazione, così come per le stesse coautrici, rappresenta il principale elemento di mistero, il “filo” conduttore di tutta l’opera. Un libro originalissimo che è una sorta di scrigno, ricco com’è di significati che sono tutti da scoprire a cominciare dal titolo e dall’immagine di copertina. Riferimenti al Mito Classico, diciassette donne autrici di ventiquattro racconti tutti ispirati e dedicati all’opera “Le piccole memorie” di Josè Saramango, uno dei più grandi narratori di tutti i tempi anch’esso. Diciassette stili diversi che si passano il testimone da un racconto all’altro, racconti scritti da donne molto distanti nella dimensione spazio- temporale le une dalle altre ma unite da una comune sensibilità per la scrittura del bello e della bellezza dell’animo femminile.
Alcune delle autrici saranno felici di incontrarvi presso la più che consona cornice di Tuba per la presentazione dell’antologia e per leggere alcuni brani insieme a voi.

Pubblicato in Eventi | Contrassegnato | Lascia un commento

A Alfonso Cardamone il terzo posto nel premio Histonium

dell'entropia ancora - Alfonso Cardamone“dell’entropia ancora”, la più recente silloge poetica pubblicata da Alfonso Cardamone nel 2015 per i tipi di Cultura e dintorni Editore, ha ottenuto il Terzo Premio Assoluto del Premio Nazionale “Histonium” XXXI edizione 2016, nella sezione libro edito di poesia.
Piace sottolineare la rilevanza del riconoscimento, sia per il rilievo nazionale di un Premio che in un trentennio di vita è riuscito ad imporsi all’attenzione di poeti, scrittori e personalità del mondo culturale italiano, sia per la partecipazione considerevole di opere provenienti da tutte le Regioni d’Italia.

Pubblicato in Eventi | Contrassegnato , | Lascia un commento

Pietro Piro a Termini Imerese

Lunedì 22 agosto alle ore 18:00 presso la libreria “Punto 52″ di Termini Imerese (Pa) incontro con il sociologo Pietro Piro in occasione della presentazione del saggioAuschwitz è ancora possibile? Temi e argomenti per un pensare civile, edito per i tipi di Cultura e dintorni Editore, Roma, 2016. L’autore incontrerà il pubblico e risponderà alle domande dei lettori.

Leggiamo dall’introduzione al volume: “Per noi che viviamo come ha scritto Primo Levi “sicuri nelle nostre tiepide case, che troviamo tornando a sera il cibo caldo e visi amici”,  Auschwitz rischia di diventare un esercizio d’indignazione, una parentesi di eccezione nella Storia da evocare alla memoria solo nei giorni comandati.  Un orrore classificabile e gestibile.  Auschwitz appartiene a un passato sempre più lontano che diventa sempre più difficile trattenere nel presente. Il male assoluto diventa apparentemente sempre più “decifrabile” e l’incredibile dibattito innescato dai negazionisti,  genera dubbi illeciti sull’autenticità di un dolore senza fine. Il rischio di un livellamento pacificatore, funzionale alle dinamiche politiche del presente è altissimo e vittime e carnefici  sono stati equiparati da revisionisti volgari in una logica che crea confusione e rende impossibile una distinzione netta e chiara. Nel saggio che apre questo volume e che lo caratterizza per intensità e impegno civile Auschwitz, resta un crimine unico nella Storia del mondo. I carnefici sono identificati con un nome e un volto e  le loro gesta non possono in nessun modo essere confuse con la disperazione delle vittime. Auschwitz deve sfuggire a ogni tentativo d’incasellamento, a ogni dinamica di normalizzazione a ogni logica di razionalizzazione.  Auschwitz deve restare una ferita aperta, che fa male ogni giorno, che impone un freno e un limite. Un monito su ogni nostro pensiero fiducioso sull’uomo. L’autore è convinto che Auschwitz non si ripeterà perché l’evoluzione tecnologica ha reso quel “metodo di distruzione” obsoleto. Tuttavia, non si tratta di una certezza consolatoria perché  Auschwitz  “avrà un altro nome e abiterà un altro tempo” e porterà un nome che sarà “una maschera dietro la quale si nasconderà il vero volto di meccanismi vecchi mai sconfitti dall’educazione e dall’amore”. Oltre al saggio che apre il volume, il libro contiene riflessioni, dubbi, interrogativi che testimoniano la passione civile dell’autore e che ci stimolano a interrogarci e non lasciare che la realtà si appiattisca nel quotidiano senza un nostro sguardo critico”.

Pubblicato in Cultura e dintorni Editore, Eventi | Contrassegnato , | Lascia un commento